icofblato
ico-letter

Le immagini dell'oceano sparito di Marte

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

L'antico oceano che copriva Marte 'riemerge' dai dati inviati dalla sonda europea Mars Express. Il radar Marsis a bordo della sonda dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) ha individuato il fondale dell'antico oceano marziano, sepolto nel sottosuolo ad una profondità compresa fra 60 e 80 metri. Si tratta della maggiore evidenza, sottolineano gli esperti, che sul pianeta rosso in passato vi era una vasta distesa di acqua liquida. Nato dalla collaborazione fra Agenzia Spaziale Italiana (Asi), universita' di Roma La Sapienza e Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa, e costruito da Thales Alenia Space, sono stati individuati nel sottosuolo i sedimenti lasciati dell'antico fondale oceanico nei confini gia' precedentemente rilevati, ossia le antiche rive plasmate dalle onde. A scoprirli e' stato un gruppo coordinato da Jeremie Mouginot, che lavora in Francia, nell'Istituto di Planetologia e Astrobiologia di Grenoble (Ipag) e negli Stati Uniti, nell'universita' della California a Irvine. ''Il radar Marsis penetra nei primi 60-80 metri del sottosuolo del pianeta'', ha osservato uno degli autori Wlodek Kofman, dell'Ipag. ''In tutto questo spessore - ha aggiunto - noi vediamo evidenze di materiali sedimentari e ghiaccio''. Analizzando i dati inviati dal radar Marsis i ricercatori hanno scoperto che nel sottosuolo delle pianure del Nord marziano vi sono materiali a bassa densita'. ''Interpretiamo questi dati come depositi sedimentari, forse ricchi di ghiaccio, ed e' una forte prova che in quell'area una volta vi era un oceano'', ha osservato Mouginot. 

L'esistenza di un oceano nel passato di Marte si sospettava da quando nell'emisfero Nord del pianeta erano state individuate anche delle strutture che ricordano una linea costiera. L'antico oceano, secondo i ricercatori, sarebbe stato solo temporaneo, ''durato solo un milione di anni o meno'', ha stimato Mouginot. Secondo gli esperti l'acqua essersi anche

ghiacciata e conservata nel sottosuolo, oppure potrebbe essere evaporata gradualmente nell'atmosfera. © Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati