Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un’altra alba si scorge all’orizzonte, da est i cavalli di Apollo trainano il carro del dio Sole; è l’inizio di un nuovo giorno e per un attimo ci si sente rinascere. L’energia della luce scuote il nostro corpo, cancella le nostre paure e ci rende divini facendoci sentire parte del tutto.

Ogni giorno si ripete la magia ed ogni notte si ritorna mortali al giungere dell’oscurità. Come su una ruota infinita notte e dì si susseguono, ma ogni giorno differisce dal precedente.

Lunghe sono le giornate estive e precoci i tramonti invernali, ma due sole volte in un anno la notte e il dì si equivalgono: sono gli equinozi di primavera e di autunno.

Il prossimo 23 settembre sarà l’equinozio di autunno e segnerà il momento in cui la notte diverrà più lunga del dì, l’inizio astronomico dell’autunno, ovvero della stagione che nell’immaginario collettivo ci riporta alla raccolta dei frutti e alla preparazione per l’inverno. In questo giorno speciale l’ombra delle meridiane giace su una retta e il Sole scende sotto l’equatore celeste passando per il punto della Bilancia.

All’Osservatorio di Cento, gli Astrofili dedicheranno il pomeriggio dell’equinozio all’osservazione del Sole, con l’ausilio di telescopi opportunamente schermati e giochi solari. Sarà un pomeriggio speciale dove l’astronomia si farà di giorno!

Per info: www.astrofilicentesi.it o cell. 346 8699254

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail