Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In questa storia mitologica le protagoniste saranno alcune costellazioni del cielo invernale: Cassiopea, Cefeo, Andromeda, Perseo, Pegaso, Ceto (o Balena).
Secondo il mito greco Cassiopea era la regina di Etiopia, moglie del re Cefeo ed era davvero molto vanitosa (per questo la vediamo raffigurata nel cielo mentre si specchia e si pettina i capelli).

mito-cassiopea

Un giorno la donna osò dichiarare di essere più bella delle Nereidi, le ninfe del mare, fanciulle bellissime figlie del dio Poseidone.
Queste, sentendo il terribile affronto di Cassiopea, si adirarono moltissimo e chiesero al loro padre di aiutarle a vendicarsi.

Poseidone, stanco di sentire le loro continue lamentele decise di mandare un mostro marino chiamato “Ceto” (una balena gigantesca), sulle rive dell’Etiopia per creare una gigantesca onda che avrebbe annegato Cassiopea.

mito_cassiopea_ceto

Il marito di Cassiopea, Cefeo, venne a sapere del fatto e chiese ad un oracolo come poter salvare la moglie da questa terribile sorte.
Esso gli rispose che l’unico modo per salvare la regina era sacrificare una bella, giovane fanciulla al mostro.

Cefeo e Cassiopea non ci pensarono un attimo e brutalmente incatenarono la bellissima figlia Andromeda sulla riva per sacrificarla al ceto.

La povera Andromeda era disperata e già vedeva il mostro arrivare, di certo l’avrebbe mangiata…

Quando arrivò l’eroe Perseo, appena tornato vittorioso dalla lotta contro Medusa (un mostro con la testa piena di serpenti che pietrificava tutti quelli che la guardavano negli occhi) e di cui portava ancora in mano, come trofeo, la sua testa tagliata.

mito_cassiopea_perseo_andromeda

Vedendola, Perseo si innamorò subito di Andromeda e decise di portarla via con se, a cavallo di Pegaso, un bellissimo cavallo bianco alato.

mito_cassiopea_pegaso
I due quindi si sposarono e come ogni favola a lieto fine vissero felici e contenti…

La regina Cassiopea fortunatamente si salvò dal mostro perché questo, rimanendoci male per la perdita della sua preda sacrificale, tornò da Poseidone.
Ma non rimase di certo impunita!
Gli dei decisero di farla ruotare per sempre, assieme al marito, attorno al polo celeste, come in un girotondo (per questo è chiamata costellazione circumpolare) e addirittura spesso la troviamo anche ruotata a testa in giù… pensate che mal di testa!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail